Il casino di Campione dItalia riapre dopo tre anniDopo tanti anni arriva finalmente una splendida notizia per tutti gli amanti del gioco d’azzardo e dei casinò italiani. Infatti, dopo tanto tempo, il casinò di Campione d’Italia riaprirà i battenti e tornerà a mostrare i propri tavoli da gioco ai suoi clienti. Per tre anni, infatti, i tavoli sono rimasti impolverati e inutilizzati ma ora il gioco tornerà a riempire le sale, a far esultare e gioire migliaia di persone.

La casa da gioco di Campione d’Italia è fallita ormai tre anni fa, nel luglio del 2018 e fino a quel momento ha subito diverse vicende giuridiche che ne hanno fatto slittare l’apertura.

Secondo il sindaco di Campione d’Italia, Roberto Carnesi, la sala da gioco riaprire verso la prima metà di dicembre, come ci ha detto lui stesso:

«Lo sforzo in atto e i lavori in corso puntano a riaccendere le luci in sala per metà. Stiamo lavorando per centrare l’obiettivo e poter essere operativi prima di Natale».

Ha poi proseguito parlando di alcuni lavori che saranno necessari per portare alle riaperture di tutte le sale da gioco:

«All’interno della struttura bisognerà solo fare alcuni controlli e interventi sugli impianti che saranno eseguiti prossimamente. Andranno poi ricollocate alcune macchinette che erano state portate via. L’edificio nel complesso è in ottime condizioni», Secondo il sindaco quindi il casinò è pronto a riaprire dopo una breve frazione di tempo in cui è stato chiuso.

Un punto importantissimo della riapertura riguarda senz’altro il ricollocamento del personale che aveva lavorato fino a tre anni fa all’interno del casinò. Si tratta di 482 persone che erano dipendenti e stipendiate dal casinò. Non tutti verranno assunti nuovamente anche perché, secondo l’attuale progetto, i nuovi dipendenti dovranno essere solo 174. Una riduzione del personale notevole che ha provocato un grande malcontento. Il casinò ha invitato i propri ex dipendenti a firmare una lettera, se interessati, per esprimere la volontà di essere presi in considerazione per tornare al lavoro. Su questo fronte sono intervenuti anche i sindacati che hanno dichiarato:

«In effetti siamo allarmati anche perché il tempo scorre rapido. Insieme agli altri sindacati abbiamo dunque deciso, già domani, di inviare al Comune di Campione una lettera di sollecito per capire le intenzioni». Ha proseguito Nunzio Praticò, segretario della Cisl funzione pubblica dei Laghi. «Siamo in attesa di un cenno, la riapertura sarà un’operazione sicuramente molto complessa e vorremmo essere sempre aggiornati per poter ragionare insieme, accomunati dall’obiettivo di arrivare infine alla riapertura

Sempre sul personale è tornato il sindaco che ha spiegato come

«una società esterna, già selezionata e all’opera, è stata incaricata del compito. Provvederà a selezionare le figure professionali di cui il nuovo casinò avrà bisogno. Si tratta di una procedura che sta per partire. L’obiettivo è essere pronti entro settembre».

A breve, l’amministrazione comunale, in qualità di socio unico del Casinò

«procederà con la pubblicazione di un bando per selezionare i componenti del nuovo consiglio di amministrazione della casa da gioco» e, secondo il sindaco, «Il nuovo cda sarà presumibilmente composto da tre persone che verranno selezionate in base alle capacità professionali. Anche in questo caso settembre sarà il mese decisivo».