Conto gioco Snai bloccato le ragioni e le soluzioniNel mondo del gioco d’azzardo possono esservi situazioni inattese e poco simpatiche ma niente panico, nulla è perduto. Con un po’ di pazienza si può rimediare con successo e tornare a giocare in tutta sicurezza. Una delle principali e spiacevoli soluzioni è data dal blocco del conto di gioco Snai casino.

Cominciamo dalla fonte di chiusura meno frequente di tutte tra i giocatori propriamente detti: la chiusura per inattività, Infatti, un conto di gioco Snai ha una propria “vita” con annessa durata pari a 36 mesi (tre anni). Infatti, se un giocatore non effettua alcuna operazione per un periodo di 36 mesi o tre anni il suo conto viene irrimediabilmente chiuso e le eventuali somme al suo interno vengono devolute all’erario. Purtroppo, in questi casi, non esistono soluzioni se non la riapertura completa del conto di gioco.

Vi possono poi essere due altre principali situazioni in cui il conto di gioco risulta bloccato. Si tratta di due situazioni comuni che vi illustreremo a breve. Nella prima abbiamo il mancato invio del documento d’identità, nella seconda il mancato rispetto delle regole del gioco.

Per quanto concerne la prima, il giocatore che non invia il proprio documento d’identità in corso di validità al bookmaker non può attivare completamente il proprio conto di gioco. Infatti, al momento dell’iscrizione è richiesto al giocatore di inserire gli estremi del proprio documento d’identità e, successivamente, gli è richiesto anche di inviare copia del proprio documento. Per fare ciò il giocatore ha 30 giorni di tempo. La copia deve essere fronte retro mentre non è necessario che sia a colori. Qualora il giocatore non inviasse in tempo il proprio documento vedrebbe il suo conto esser sospeso dalla Snai. A quel punto, egli ha a disposizione ben 60 giorni per inviare una copia del proprio documento e farsi così sbloccare la situazione. In caso in cui il giocatore non invii nulla nei 90 giorni che separano l’apertura del conto dall’ultima scadenza, egli incorrerebbe nella definitiva chiusura del conto.

La seconda principale causa di restrizioni sul proprio conto di gioco è il mancato rispetto delle regole imposte dall’operatore. Infatti, Snai Casino – come moltissimi casinò in Italia, pone ai giocatori delle regole che essi devono obbligatoriamente rispettare. Per fare un esempio, tra queste vi è il divieto di assumere comportamenti fraudolenti, di avere atteggiamenti di gioco collusivi o di mettere in pratica altre non meglio precisate scorrettezze. Nel caso in cui esse venissero invece messe in atto, il giocatore subirebbe l’immediata e inappellabile chiusura del proprio conto. In questi casi, differentemente da altri, le somme presenti all’interno del conto potrebbero anche non essere restituite. Anzi, in caso di reati veri e propri, Snai potrebbe denunciare il giocatore e decidere di rivalersi su di lui.

In ultimo, Snai potrebbe anche denunciare il giocatore intestatario del conto all’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) richiedendo che egli venga sospeso da tutti i conti di gioco fino a un massimo di 180 giorni consecutivi che potrebbero divenire anche di più qualora intervenisse l’autorità giudiziaria.