La fortuna al gioco dazzardo quanto conta davveroUno dei temi più conosciuti dai giocatori d’azzardo è certamente la fortuna. Secondo alcuni non esiste, secondo altri è fondamentale e per altri ancora esiste solo quando vince l’avversario. Ma, in concreto, cos’è la fortuna nel gioco d’azzardo? La fortuna è un’accoppiata tra il gioco e il destino che nel gioco d’azzardo sembra essere incredibilmente presente. Chi vince nel gioco d’azzardo è sicuramente abile ma, altrettanto certamente, è fortunato. Per dimostrare questa frase vi porteremo alla scoperta della fortuna nel mondo del gioco d’azzardo, affrontando gli universi del gambling e delle scommesse online, così da comprendere il peso reale ed effettivo della fortuna nel gioco.

Gli scettici sostengono che la fortuna non esista, che sia tutto riconducibile a straordinarie equazioni matematiche e che il mondo del gioco, così come la vita, risponda all’ineluttabilità del destino. Chi vi scrive, data anche l’esperienza maturata in materia, non crede assolutamente all’assenza di fortuna nella vita come nel gioco. La fortuna è una parte fondamentale del gioco e spesso determina la differenza tra una grande giocata e la più grande vittoria di sempre. La fortuna può far vincere una partita ad un principiante, come recita il celebre detto, e può riscrivere le sorti di una gara che sembrava già persa.

Secondo una statistica sembrerebbe che le donne siano più fortunate degli uomini nel gioco d’azzardo. Alcuni hanno definito questa “dote” intuito, altri ne hanno riso e altri ancora hanno tentato di spiegarla in modi particolarmente complessi, senza però convincere del tutto. Certamente, se si mettono a confronto le più grandi vittorie della storia del gioco, la dea bendata sembra evidentemente tifare per il gentile sesso.

Ovviamente, la fortuna non è tutto. Un giocatore può anche essere fortunato ma, se non conosce le regole del gioco, finirà per perdere la gara. Specie per i giocatori “professionisti” la fortuna diviene un ottimo alleato ma non può durare all’infinito. La fortuna non è certamente una strategia di gioco poiché, come si sa, può essere effimera. La fortuna può portare al giocatore una mano vincente, una combinazione fortunata ma non può insegnargli a giocare, a capire qual è la mossa giusta in quel momento o come far cadere nell’errore un avversario. Su un momento “breve”, la fortuna può essere determinante ma, per utilizzare una metafora calcistica, il campionato lo vince il più forte e non il più fortunato. Ovviamente, vi sono casi in cui la fortuna è alla base di tutto.

Se pensiamo alle slot machine, infatti, la fortuna sembrerebbe essere preponderante rispetto alle altre variabili in campo come l’abilità del giocatore. Allo stesso modo, il gioco della roulette si basa tutto sulla sorte e sul lancio di una pallina. In altri giochi e perfino nelle scommesse la fortuna esiste ma viene aiutata dalla conoscenza del giocatore che può immaginare il momento di forma di una squadra, studiare i trend e i comportamenti dei giocatori e prevedere con buona approssimazione il risultato finale. Vi sono poi i giochi come il blackjack, il poker o altri che sicuramente necessitano di fortuna ma solo se aiutata da una grande abilità personale.