Ramino pokeratoSpesso nei casinò online presenti sul web, alla sezione dedicata ai giochi di carte si trovano le solite proposte, sempre uguali di portale in portale. Qualche volta, però, tra i classici blackjack, poker, scopa, sette e mezzo, sic bo e baccarat si può trovare qualche novità, un gioco meno diffuso e meno conosciuto che vale la pena di sperimentare.

Ultimamente, ad esempio, alcuni portali di gambling online hanno cominciato a proporre ai propri utenti il gioco del ramino pokerato, molto poco noto tra gli appassionati italiani, che però hanno risposto con entusiasmo a questo nuovo prodotto derivante dalla cultura anglosassone.

Le origini del ramino pokerato sono infatti attribuite alla Gran Bretagna e fanno riferimento ad una evoluzione del texano rummy. Nonostante la scarsa diffusione nel nostro Paese, il gioco è sbarcato in Italia già tra la fine degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta, rimanendo però un prodotto di nicchia a cui ben pochi giocatori avevano accesso in un periodo così complicato per la Penisola.

Le regole del gioco sono piuttosto semplici, aspetto che ne ha facilitato la diffusione in diverse fasce di età e classi sociali. Inoltre, difficilmente può essere considerato un vero e proprio gioco d’azzardo per via del fatto che la puntata viene stabilita dai giocatori all’inizio della partita e non c’è modo di rilanciare nel corso della sfida.

L’occorrente necessario per intraprendere una partita di ramino pokerato è costituito da un mazzo di 52 carte francesi, compresi i 4 jolly, che vengono distribuite ad un numero di giocatori compreso tra 2 e 7.

Lo svolgimento del gioco ricorda quello della scala 40, molto più noto e diffuso tra gli appassionati italiani: ogni partecipante riceve dal dealer 10 carte e durante il suo turno può scegliere se pescare dal mazzo coperto o dagli scarti degli altri giocatori; con le carte a sua disposizione deve cercare di “aprire” legando le carte tra di loro fino a raggiungere un punteggio di 50.

Chi riesce a legare tutte le carte in proprio possesso vince la manche, mentre i giocatori che raggiungono i 101 punti in mano senza riuscire a costruire delle combinazioni vengono eliminati.

Il gioco si articola quindi in 4 fasi, che richiedono al giocatore attivo di eseguire 4 mosse: pescare (dal mazzo coperto o dal pozzetto degli scarti), calare e attaccare (proprio come a scala 40, si possono aggiungere altre carte alle combinazioni calate nei turni precedenti), scartare (il giocatore si libera di una carta inutile per i suoi scopi) e chiudere (se riesce a calare tutte le carte che ha in mano, il giocatore si aggiudica la partita).

Nel ramino classico le combinazioni di carte necessarie per “aprire” sono le medesime che vengono utilizzate nel gioco della scala 40, ad eccezione del “ramino”, la combinazione per eccellenza che risulta estremamente difficile da realizzare.

Si possono quindi legare le carte a disposizione in tris, quartetti, scala reale, colore (come nel poker: carte appartenenti allo stesso seme anche se in ordine non progressivo) e ramino (una combinazione che unisce tutte le carte a disposizione del giocatore in una scala completa del medesimo seme). Data la tua estrema rarità, il giocatore che realizza un ramino vince direttamente la partita senza passare per il calcolo del punteggio.

#StandWithUkraine

#StandWithUkraine - Siamo con il popolo ucraino. La Russia non “solo” sta attaccando il popolo ucraino.
Questa è una guerra contro i valori democratici, i diritti umani e la pace. Possiamo avere un impatto e aiutare con le nostre donazioni.

Opzione 1 Opzione 2